Bruce Willis Apple: l'attore usa iTunes, non può lasciare i brani alle figlie

Bruce Willis, l’uomo senza paura, il duro a morire, uno dei Mercenari, l’ultimo boyscout ha finalmente capitolato. Non è stato sconfitto da un terrorista, da un malfattore qualunque o da qualche essere sovrannaturale, ma dalla Apple.

La grande casa informatica orfana di Steve Jobs, infatti, secondo il celebre attore sarebbe rea di una truffa ai danni dei propri utenti: i brani musicali scaricati legalmente attraverso iTunes non diverrebbero di proprietà dell’acquirente ma sarebbero solo “noleggiati a lunghissimo termine”.

Willis possiede una vastissima collezione musicale – una delle sue passioni sono proprio le sette note – e da quando ha pensato di lasciare in eredità questo patrimonio alle sue figlie (Rumer, Scout e Tallulah, avute dalla ex Demi Moore) si è interessato alla questione.

Ha quindi letto il classico contratto iniziale, regolarmente firmato, e si è accorto della spiacevolezza. Il tutto ci ricorda una celebre puntata di South Park, quella dedicata allo Human Centipad (ispirata alla serie horror The Human Centipede), in cui i malaugurati utenti Apple che firmavano senza leggere venivano sottoposti a inumani esperimenti proprio dal creatore della società.

Bruce non ci sta, è sta pensando a due alternative: fare inutilmente causa in solitaria, per garantire un futuro migliore alle figlie, oppure accodarsi agli innumerevoli processi già aperti che dovrebbero sistemare una volta per tutte lo statuto giuridico del materiale scaricato legalmente, e più in generale l’appartenenza delle merci virtuali acquisite via internet.

Potrebbe essere la battaglia più importante mai affrontata dal protagonista de Il sesto senso…  

LINK UTILI 

Apple vs Samsung: Il tribunale di Tokio assolve i coreani 

Samsung vs Apple: Google e Android non c’entrano niente 

I Mercenari 2 trailer italiano: Stallone, Willis, Statham are back

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Michael Clarke Duncan morto: fu John Coffey, il gigante di Il miglio verde

Sesso in camera da letto e sesso in tv: due mondi diversi

Leggi anche
Contents.media