Beppe Grillo sponsorizzato da Flavia Vento con un tweet

Flavia Vento in un tweet si schiera: Beppe Grillo è l’unico vero che dice le cose in faccia, ci vuole la rivoluzione francese!

I primi a riportare il fatidico tweet di Flavia Vento sono stati, credo, quelli di Giornalettismo: Beppe Grillo è l’unico vero che dice le cose in faccia invece de sti ladroni, mignotte e raccomandati. E ancora: Usciamo da questa italietta finta e ladrona fatta da ciarlatani, equitalia, tasse, ci vuole la rivoluzione francese!

Chiaramente si può facilmente ironizzare su questo imbarazzante endorsement, la conoscete la Vento no? È una che, quand’era a corto di ingaggi televisivi, ha cercato qualche “particina” in politica saltando da Rutelli a Storace, con discorsi memorabili e programmi rivoluzionari di questo tenore: “Secondo me i buoni dovrebbe unirsi tutti per sconfiggere i cattivi”.

Insomma, se la discussione va oltre il problema delle doppie punte, Flavia arranca, anzi proprio si perde.

Fatta l’ironia però si può ragionare su che tipo di adesioni attragga il Movimento 5 stelle. Per carità, le menti illuminate non abbondano né a destra né a sinistra ed è chiaro che visto l’exploit dei grillini d’ora in poi vedremo molti tentativi di salire sul nuovo carro dei vincitori, ma il sospetto che la demagogia spiccia di Grillo faccia proseliti soprattutto tra i più sprovveduti e naif non è facilmente fugabile.

Tra l’altro, non si tratta di una questione di poco conto.  Perché coltivare una militanza e un elettorato critici e informati è un requisito essenziale per tenere la rotta giusta, non tentare scorciatoie e mantenere le promesse. Invece la demagogia spicciola di Grillo, le randellate bipartisan a base di insulti, la visione manichea della lotta politica (io sono l’unico puro il resto è tutta merda), rischia di attrarre soprattutto teste calde, fanatici e qualunquisti senza qualità.

È un peccato, perché nel programma di Grillo ci sono cose buone, se cominciasse a parlare di quelle senza più troppe concessioni al vecchio(?) ruolo di giullare e di agitatore di folle, ne guadagnerebbe il dibattito. E forse si interesserebbe al Movimento anche qualcuno un po’ più presentabile di Flavia Vento.

Altri link:

Elezioni Sicilia: Grillo, Crocetta e l’astensionismo

Elezioni Sicilia: Grillo punta sulle belle facce (eppure quel Lombroso…)

Beppe Grillo a sorpresa: Di Pietro al Quirinale

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Bruno Vespa presidente della Repubblica (lo vogliono le casalinghe)

Barbara D'Urso Domenica Live: faccette, una lista (4 novembre 2012)

Leggi anche
Contents.media