Bellas mariposas incanta Venezia: il cinema può sopravvivere?

Bella mariposas di Salvatore Mereu ci ricorda la passione e l’amore per l’arte cinematografica. C’è da chiedersi se tutto questo è ancora compatibile con le regole dello show business

Girare un film senza un produttore, investendo i propri risparmi per realizzarlo. Scegliere una storia difficile, scommettendo sulla sua rappresentazione per immagini da un testo stilisticamente complesso e originale. Una storia ambientata nella periferia popolare di Cagliari, cioè niente di più lontano da ciò che è trendy e commerciale, dalla ricerca facile di successo e applausi.

Rimanere fedeli a quella storia, mantenendo i dialoghi nel semisconosciuto dialetto locale e decidere di dirigere due ragazzine principianti, per rendere al meglio la freschezza e la genuinità delle giovani protagoniste.

Tutto questo ha fatto Salvatore Mereu con Bellas mariposas, film tratto dall’omonimo racconto di Sergio Atzeni, che ha incantato critica e pubblico del festival di Venezia e che si è guadagnato il premio della critica indipendente come opera più significativa della mostra e il premio Schermi di qualità. Ora, se ancora il meccanismo dello show business ha un senso, se è cioè funzionale all’arte cinematografia e non piuttosto di ostacolo, Bellas mariposas dovrebbe immediatamente trovare un distributore importante ed essere proiettato in tutte le sale d’Italia. Purtroppo, non è detto che vada così.

(In alto un’immagine del film con le giovane protagoniste. Nel cast c’è anche Micaela Ramazzotti).

Altri link:

Vincitori Festival Cinema Venezia 2012: tutti i premi assegnati

Festival Cinema Venezia 2012: i trailer dei film italiani

Festival Cinema Venezia 2012: i film favoriti per il Leone d’oro

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Miss Italia 2012 date: questa sera la prima puntata, domani finale

Kristen Stewart parla di Pattinson: al Toronto Film Festival 2012

Leggi anche
Contents.media