Barack Obama presidente innamorato, la bella Michelle e i media

Barack Obama dichiara in mondovisione il suo amore per Michelle, che in campagna elettorale è stata fondamentale nel convincere tanti indecisi. Ma i media italiani ne parlano solo per chiosare su vestiti riciclati e borsette a lei dedicate

Ho sempre mal digerito l’attenzione mediatica che si crea intorno alla first lady, si chiamasse Michelle Obama, Carla Bruni o Hillary Clinton. La figura della consorte del presidente, d’importazione americana e fino a poco tempo fa pressoché sconosciuta alla politica italiana, ha però fatto breccia pure da noi, anche se i media de  noantri – forse per mancanza di mogli interessanti dei premier italiani – di solito preferiscono puntare i riflettori sulle first lady straniere.

Il mio fastidio nasceva dal fatto che l’informazione intorno alla “moglie del presidente” riguarda quasi sempre aspetti frivoli, insulsi e gossipari: bene che vada si va sulle dichiarazioni riguardanti la vita privata della coppia presidenziale, altrimenti si scivola facilmente sull’abito indossato, la borsetta firmata, le scarpe italiane. D’altra parte parliamo di una figura squisitamente mediatica, senza  nessun ruolo politico, non votata da nessuno.

Almeno, così la pensavo prima di assistere alla dichiarazione d’amore in mondovisione del presidente rieletto Barack Obama alla sua bella Michelle: “Non ti ho mai amato così tanto e sono orgoglioso di come l’America ti ama”. Non che abbia cambiato idea perché mi sono commosso come davanti a un film romantico, anche se indubbiamente la scena era carica di pathos e credo che abbia fatto sussultare più di una signora, ma mi sono reso conto di quanto debba essere stata importante Michelle Obama nella rielezione del marito.

Il punto è che negli Usa la first lady non è solo un’invenzione mediatica per riempire i giornali, è qualcosa di più e di diverso. È la compagna e la confidente dell’uomo che ha nelle proprie mani il destino della nazione, ma anche – considerando la concezione che gli americani hanno della famiglia e della coppia – qualcosa di più e di diverso. È, in un certo senso, la numero due della squadra presidenziale, e quando l’elettore medio vota un candidato, vota anche un poco pensando alla futura signora che incarnerà il ruolo di prima donna del Paese. Un po’ come si trattasse di un ticket. Almeno così succede con le grandi first lady, è Michelle senza dubbio lo è.

Così disturba un po’ che i media italiani continuino a parlare di lei solo per raccontarci del suo abbigliamento e della sua avvenenza. Ho dato prima un’occhiata sul web, e mi son ritrovato un pezzo del Corriere della Sera sul vestito che ha indossato per la rielezione di Barack, che avrebbe sfoggiato almeno in un’altra circostanza (sai che problemone!), un post di Giornalettismo su una borsa di Gucci a lei dedicata, e una Ansa che ci informa sul suo stilista preferito. Di certo, Barack non apprezzerebbe.

LINK UTILI:

Barack Obama presidente delle minoranze

Usa 2012: Obama trionferà su Romney? It’s the economy, stupid!

Barack Obama presidente: foto e video dei festeggiamenti

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Elezioni USA 2012: spettatori colpiti da "Sindrome da Luna Rossa"

Bar Refaeli si spoglia per GQ Magazine Germany: guarda le bellissime foto!

Leggi anche
Contents.media