Alfonso Luigi Marra ci scrive: YouTube censura Ruby che denuncia le banche (sic!)

Perbacco, quale onore, nella casella di posta questa mattina mi è giunta una lettera dell’avvocato Alfonso Luigi Marra, quello del Labirinto femminile e degli spot della fiera del grottesco con Manuela Arcuri e Lele Mora.

Non dovrei emozionarmi troppo perché credo che Marra abbia scritto all’universo mondo, ma comunque sono soddisfazioni! Il motivo della lettera?  Denunciare una presunta censura di YouTube, che pare abbia rimosso i video pubblicitari del libro con il nuovo testimonial Ruby Rubacuori, la papi girl dello scandalo.

I motivi dell’oscuramento per Marra, che si esprime nel solito italiano maccheronico, sono evidenti: “L’abuso è dovuto al fatto che il tema di fondo dei video di Ruby è il signoraggio bancario primario e secondario, di cui, nel video in italiano, le faccio dire che «è la radice del male»”. Ah ecco, ora è tutto chiaro: ce lo sentivamo un po’ tutti che la denuncia di Ruby potesse scuotere il capitalismo  mondiale.

Una cosa però è certa: Marra questa volta ha indovinato il testimonial, perché la nipotina di Mubarak di banche e bonifici è ormai diventata una grandissima esperta.

(In alto: un servizio del Corriere.it sullo spot del libro di Marra con Ruby).

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Duetti a Sanremo: Anna Tatangelo e il pupo indemoniato

Intervista esclusiva a Robert Pattinson e Reese Witherspoon

Leggi anche
Contents.media